SoluzioniSemplici Automazione Domotica Orologi Telemetria Umidità Terreno Temperatura Controllori Sistemi Controllo Programmazione Pannelli Luminosi Interruttori Pulsanti WiFi GSM

Benvenuto Visitatore. Effettua il Login oppure Registrati.
Maggio 20th, 2024, 12:55am

Indice del Forum Help Cerca Login Registrati
Forum Automazione Domotica Telemetria Orologi Soluzioni Semplici - VisualVision « TXTemp in auto (mobilità) »

Cerca  
Ricerca specifica...

Max risultati:

   Forum Automazione Domotica Telemetria Orologi Soluzioni Semplici - VisualVision
   Hardware VisualVision (domande ns dispositivi)
   TXtemp TXsoil TXdata TXloop (trasmetti temperatura umidità livello loop vedi da remoto web, RF WiFi MQTT HTTP GSM)

   TXTemp in auto (mobilità)
« No topic | Prossimo topic »
Pagine: 1  RispondiRispondi o chiedi/aggiungi altre cose
Abilita notifica Invia il Topic Stampa
   Autore  Topic: TXTemp in auto (mobilità)  (letto 122 volte)
Matteo
Visitatore

E-Mail

TXTemp in auto (mobilità)
« Data del post: Marzo 8th, 2024, 7:20am »
Rispondi con quote Modifica il messaggio Rimuovi messaggio

Buongiorno a tutti, riassumo qui i concetti di alcune email scambiate con Visual Vision.
 
L'idea è quella di utilizzare il TXtemp in modo minimale per ottenere una misura della temperatura esterna all'automobile (o ad altri mezzi mobili esterni), laddove non sia prevista dal costruttore (come nella maggior parte delle automobili antecedenti al 2000).
 
Parlo di uso minimale, perché ne immagino l'uso della sola RF a 433 MHz, non disponendo di router wifi  (o wifi direct?) in auto; senza ControlHUB.
 
Il sistema dovrebbe essere composto quindi dal TXtemp che invii al più piccolo (per essere ben posizionato) dei Clock.
 
Su quest'ultimo, non avrei particolari dubbi nella scelta: va bene il più piccolo, con alimentazione usb 5v e sensore di luminosità, ovviamente con supporto RF 433 MHz.
 
Sul TXtemp, invece, anzitutto la sfida più grande è il posizionamento. Troppo voluminoso per essere installato sotto o addirittura dentro il retrovisore esterno (anche separandone i componenti, nonché operazione invasiva e non di facile manutenzione, soprattutto pensando alle batterie, che pur risolverebbero il problema "alimentare").
 
Non trovo idea migliore (ma non completamente soddisfacente) di tentare un posizionamento all'interno del paraurti anteriore, possibilmente in prossimità delle griglie aereazione (vedere dopo).
 
Dunque, sicuramente opterei per la versione alimentata da batterie AA, per un'installazione semplice e senza modifiche all'auto (oltreché con sostituzione delle stesse più realistica che non aprendo un retrovisore).
 
L'interno di un paraurti ha però dei limiti intrinseci: è sì davanti all'auto e quindi riceve aria "non trattata" dal vano motore ed è all'ombra (*), ma questo è vero essenzialmente in marcia e non in sosta (ma non si cerca la stazione meteo del CNR, qualsiasi sensore ambientale in auto non lo è, lo scopo è avere un'indicazione di massima, al riparo dal calore del motore e del sole, nei limiti del possibile, tralasciando dettagli come l'altezza da terra che non è standard in un paraurti).
 
* = la prima domanda è sapere, in generale (vale anche per installazione fissa!) come si comporta il TXtemp con l'irradiazione. Alcuni strumenti (progettati in Italia ) hanno degli algoritmi che modulano la risposta del sensore termico con quella di uno per l'irraggiamento (elettromagnetico): quindi possono essere installati anche sotto il sole.
 
La seconda domanda (più pratica per il nostro TXtemp all'ombra del paraurti -che comunque ahimé assorbe calore solare più dell'aria circostante) è sapere la sua inerzia, ovvero il ritardo di rilevazione del sensore rispetto alla variazione ambientale (e anche la sua mediazione fisica delle oscillazioni, avendo le onde termiche una loro durata y e, quindi, ad esempio se in un tempo x, la temperatura sale di n gradi per poi tornare al punto di partenza, lo strumento potrebbe, a ragione, non rilevare nessuna variazione).
 
La terza domanda è la scelta del TXtemp più adatto sulla base della seconda, assumendo nella mia ignoranza che la versione per Esterno, essendo sigillata, abbia un'inerzia termica maggiore (a parità di volume interno!...). Ma dubito (mi si corregga), che quella per Interno possa resistere a lungo a piogge e soprattutto l'acqua sollevata dalla strada.
 
La quarta domanda ha a che fare con la sonda esterna, che, nella mia immaginazione, risolverebbe ogni eccessiva inerzia (che è sempre una mia ipotesi da confermare), oltre al fatto di poter posizionare il TXtemp dove si voglia nel paraurti, portando poi liberamente la sonda dietro le griglie (e senza una apprezzabile riduzione del flusso per il radiatore che già il TXtemp potrebbe avere).
 
Forse ho tralasciato alcuni aspetti, il forum è anche questo .
Ricevendo risposta a tutti i punti, potrei evitare di aprire un topic per il "versante fisso", con l'ultimo dubbio che, in caso, sarebbe se si possa utilizzare comunque la versione a batterie AA, se il ControlHUB tenga per il TXtemp NON sempre acceso uno storico salvabile delle rilevazioni.
 
Un saluto.
Loggato
Matteo
Visitatore

E-Mail

Re: TXTemp in auto (mobilità)
« Rispondi #1 Data del post: Marzo 24th, 2024, 8:25am »
Rispondi con quote Modifica il messaggio Rimuovi messaggio

Con disappunto mi vedo costretto a rinunciare all'hardware di Visual Vision, per il semplicissimo motivo che non è possibile non ricevere alcuna considerazione, dopo mesi, ai quesiti posti (non dico risposte negative, ripeto, nessuna risposta dallo Staff nel forum ufficiale), neanche se si trattasse di un'attività hobbistica.
 
Faccio presente (potete cercare le mie email, visto che ne tenete  traccia), che le stesse domande sono state poste da circa sei mesi e che le risposte ci sono state solo per corollari più semplici, mai per quanto ho riportato su questo forum, tra l'altro su suggerimento scritto dello stesso Staff!
 
Non so stabilire se lo Staff (che produce termometri) non sappia cosa sia, ad esempio, un'onda termica, oppure (più comprensibilmente) che io gli sia poco gradito (ho già dovuto usare una seconda email per farmi rispondere), oppure che sia troppo occupato: in ogni caso, non è compatibile con un ordine da centinaia di euro di apparecchiature.
 
Cancellate pure questo post (e volendo anche il topic): ore di dedizione riposta cura, ma senza meriti.
 
Matteo.
Loggato
Pagine: 1  RispondiRispondi o chiedi/aggiungi altre cose
Abilita notifica Invia il Topic Stampa

« No topic | Prossimo topic »


VisualVision main Web site
IT - Français (Google)...
misura comando remoto displayIT - Español (Google)...
remote metering actionEnglish user's forum...


Forum Automazione Domotica Telemetria Orologi Soluzioni Semplici - VisualVision (https://www.soluzionisemplici.com/forum/YaBB.pl)

Powered by YaBB 1 Gold (Modified by Aldo)
Copyright ©2000-2001, X-Null ©2021 Aldo
Forum Copyright © VisualVision e Utenti.